Statuto

Articolo 1
Nome dell’Associazione
1. Il nome dell’Associazione è: Associazione Italiana Docenti Bobath (A.I.D.B.)
2. La sede dell’Associazione è: c/o Studio G. Crovetto, via Cassa di Risparmio 4/10, 16123 Genova.

Articolo 2
Scopi e obiettivi
1. promuovere la conoscenza e la divulgazione del Concetto Bobath presso organismi pubblici e privati;
2. collaborare in maniera sincrona secondo lo statuto IBITA, per promuovere nel territorio nazionale la formazione secondo il Concetto Bobath di fisioterapisti, terapisti occupazionali, logopedisti e medici;
3. promuovere nel territorio nazionale la formazione di infermieri, educatori e altre figure professionali coinvolte nel percorso riabilitativo ed educativo delle persone disabili;
4. promuovere e sostenere la formazione professionale dei membri della A.I.D.B.;
5. sostenere la sperimentazione e la ricerca nell’ambito della riabilitazione secondo il Concetto Bobath.

Articolo 3
Principi etici
I membri dell’Associazione devono:
1. rispettare i diritti e la dignità di tutti gli individui, in particolare delle persone trattate durante i corsi o durante la loro pratica professionale;
2. rispettare i diritti e la dignità dei loro colleghi, in particolare di coloro che partecipano alle attività di formazione didattica;
3. riconoscere alle persone trattate il diritto alla privacy e alla riservatezza, ed il diritto ad avere una informazione appropriata, sufficiente a consentire o negare il loro consenso informato;
4. rispettare il diritto alla privacy e alla riservatezza dei colleghi partecipanti alle attività di formazione didattica, permettendo loro di consentire o negare il loro consenso informato;
5. assumere le proprie responsabilità riguardo ai giudizi espressi durante lo svolgimento dell’attività professionale, avendo diritto alla propria indipendenza professionale ed autonomia.
6. essere responsabili della qualità e del contenuto dei corsi offerti;
7. informare correttamente le persone trattate e la comunità riguardo ai servizi forniti dai membri dell’Associazione, e non dare mai dare informazioni false, fraudolente o ingannevoli;
8. presentare solo i titoli che corrispondono correttamente al proprio stato professionale;
9. attenersi alle leggi e regole che governano la loro pratica professionale nelle nazioni in cui lavorano.

Articolo 4
Membri – categorie
Sezione 1
Membri fondatori
1. Istruttori riconosciuti dall’IBITA che fondano la presente Associazione.
2. Sono riconosciute tre categorie di istruttori, come regolamentato dallo statuto IBITA.
3. Competenza, training e obblighi sono uguali a quelli definiti dallo statuto IBITA.
4. Questi membri hanno diritto di voto nelle assemblee indette dall’Associazione.
Sezione 2
Membri ordinari
1. Istruttori riconosciuti dall’IBITA che faranno richiesta di iscriversi all’Associazione dopo l’atto della sua costituzione, o membri associati che acquisiranno la qualifica di Istruttori IBITA.
2. Questi membri hanno diritto di voto nelle assemblee indette dall’Associazione.
3. Competenza, training e obblighi sono uguali a quelli definiti dallo statuto IBITA.
Sezione 3
Membri associati
1. Candidati-istruttori di corsi base, membri associati dell’IBITA, in fase di addestramento per qualificarsi docenti IBITA.
2. Questi membri diventano ordinari quando acquisiscono la qualifica di Istruttori IBITA, con tutti i diritti/doveri dei membri ordinari.
3. Questi membri possono partecipare all’assemblea, ma non hanno diritto di voto.
4. Competenza, training e obblighi sono uguali a quelli definiti dallo statuto IBITA.
5. Rientrano nella categoria dei membri associati i membri A.I.D.B. che non rispondono più ai criteri IBITA relativi all’insegnamento in quanto operanti in ridotta attività, ma che continuano a sostenere l’A.I.D.B.; a differenza dei candidati-istruttori, essi hanno diritto di voto.
Sezione 4
Membri onorari
1. Può essere membro onorario dell’A.I.D.B. una persona che ha apportato un contributo notevole alla conoscenza del Concetto Bobath in Italia.
2. La nomina a membro onorario deve essere sottoposta al giudizio dell’assemblea, e accompagnata da motivazione. La nomina deve essere proposta da un membro dell’Associazione e sostenuta da un secondo membro. Deve essere approvata dai 2/3 dell’assemblea.
3. Questi membri non hanno diritto di voto.

Articolo 5
Diritti degli iscritti
1. Ogni iscritto all’Associazione ha il diritto di:
- partecipare attivamente alla vita associativa;
- avere il diritto di parola durante l’assemblea, alla quale può sottomettere mozioni e materiale di discussione;
- essere informato sulle deliberazioni dell’assemblea e sull’operato del Comitato Esecutivo;
- ricevere una copia dello statuto e del regolamento dell’Associazione, la lista di tutti i membri, la posta dell’Associazione;
- fruire di tutti i servizi e benefici dell’Associazione.
2. Ogni iscritto di cui all’art. 4 sez. 1-2-3.5 ha inoltre il diritto di:
- votare durante l’assemblea;
- essere eletto nel Comitato Esecutivo.

Articolo 6
Doveri degli iscritti
Ogni iscritto all’Associazione ha il dovere di:
1. conoscere ed osservare lo Statuto, le deliberazioni dell’assemblea e le decisioni da essa ratificate;
2. avere un comportamento deontologicamente corretto nell’ambito dell’attività professionale, coerentemente con l’indirizzo dell’associazione;
3. pagare le quote associative e ogni altro contributo fissato dall’assemblea,
4. informare il Comitato Esecutivo di ogni cambiamento o circostanza che modifica il suo stato di docente del Concetto Bobath;
5. informare il Vice-Presidente di ogni cambiamento dei suoi dati personali.
Per esercitare i diritti di membro è necessario essere in regola con i pagamenti delle quote associative. Il membro in arretrato di sei mesi con il pagamento delle quote sociali sarà invitato a regolarizzare la posizione entro 30 giorni; in caso di inadempimento, l’assemblea provvederà a farlo cancellare dall’elenco dei membri, salvo particolari casi eccezionali da valutarsi da parte dello stesso.

Articolo 7
Perdita della qualifica di membro
La qualifica di membro si perde:
1. in caso di dimissioni, che dovranno essere formulate per iscritto, con termine di preavviso pari a giorni quarantacinque, l’assemblea dovrà decidere sull’accettazione delle stesse. Il dimissionario è tenuto a corrispondere i contributi di tutto l’anno in corso;
4. per espulsione, dalla data di notifica della delibera relativa. L’espulsione del socio può essere proposta da un membro dell’Associazione e sostenuta da un secondo membro, e deve essere accompagnata da motivazione. La proposta deve essere sottoposta al giudizio dell’assemblea che delibera sull’espulsione a seguito di voto segreto. Si intenderà accolta la proposta di espulsione che avrà ottenuto il parere favorevole di 2/3 dell’assemblea.
2. L’espulsione può avvenire: per gravi motivi di slealtà professionale, per non aver rispettato lo Statuto o le delibere dell’assemblea, per aver con malafede oltrepassato la rappresentatività conferita dall’assemblea o dal Comitato Esecutivo;
3. per morosità.
Gli iscritti che per qualsiasi motivo cessano di appartenere all’Associazione perdono ogni diritto al patrimonio sociale, e non possono pretendere alcun rimborso per le quote e gli eventuali finanziamenti versati.

Articolo 8
Organi dell’Associazione
a) Assemblea, composta dai membri di cui all’art. 4 sez. 1-2-3.5;
b) Comitato Esecutivo, composto da:
- Presidente;
- Vice-Presidente;
- Tesoriere.
Sezione 1
Assemblea
1. Può essere ordinaria o straordinaria;
2. L’assemblea ordinaria viene convocata a mezzo e-mail almeno 30 gg. prima della convocazione, con risposta di ritorno di ciascun socio almeno 15 gg. prima della convocazione, dal Presidente almeno una volta all’anno entro il 30 giugno e ratifica il programma delle attività, designa i componenti alle cariche sociali, approva il bilancio e fissa i contributi ordinari e straordinari dei membri;
3. L’assemblea è ritenuta valida: in prima convocazione qualora partecipino i 2/3 della totalità dei soci (comprese le deleghe scritte); in seconda convocazione è valida e delibera con la metà + 1 dei presenti, a prescindere dal numero dei partecipanti.
4. L’assemblea ordinaria è ritenuta valida qualora partecipi la totalità dei soci, anche in mancanza di convocazione;
5. Tutte le decisioni dell’assemblea sono prese con voto palese a maggioranza semplice dei presenti, salvo quanto esplicitamente indicato nel presente Statuto. L’assemblea si intenderà regolarmente costituita, salvo che non ne venga eccepita la valida costituzione da parte di uno dei membri presenti.
6. L’assemblea elegge il Presidente, il Vice-Presidente ed il Tesoriere dell’Associazione.
Sezione 2
Comitato Esecutivo
Organo che applica le decisioni dell’assemblea.
1. Composizione
a) Presidente:
- rappresenta l’Associazione e ne ha la firma congiuntamente con il Vice-Presidente (firma disgiunta per le attività di ordinaria amministrazione);
- convoca l’assemblea e ne fissa l’ordine del giorno;
- dura in carica 2 anni, rinnovabili;
- in caso di impossibilità del Presidente di svolgere le sue funzioni, esse verranno assunte temporaneamente dal Vice-Presidente;
b) Vice-Presidente:
- svolge compiti in collaborazione con il Presidente ed il Tesoriere sovraintendendo alle relazioni, curandone anche gli sviluppi, verso soggetti terzi;
- ha firma congiunta con il Presidente per le attività di amministrazione straordinaria e disgiunta per le attività di ordinaria amministrazione;
- dura in carica 3 anni, rinnovabili.
d) Tesoriere (anche non membro dell’Associazione):
- è responsabile dei fondi dell’associazione e della loro amministrazione;
- firma la ricevuta delle quote;
- presenta alla fine di ogni esercizio il bilancio entrate e spese all’Assemblea;
- dura in carica 2 anni, rinnovabili.

Articolo 9
Scioglimento
L’Associazione potrà essere sciolta dall’assemblea straordinaria, convocata appositamente, la cui decisione dovrà essere presa con maggioranza dei 2/3 dei presenti. La stessa assemblea stabilirà le modalità di liquidazione, nominerà il liquidatore e deciderà la ripartizione fra i soci del patrimonio sociale e di eventuali attività o passività.

Articolo 10
Modifiche dello Statuto
Il presente Statuto può essere modificato da apposita assemblea straordinaria convocata dal Comitato esecutivo a maggioranza dei 2/3 presenti.

Articolo 11
Federazioni e fusioni
I membri delle associazioni che hanno nel loro statuto la promozione del Concetto Bobath, possono partecipare a tutte le attività culturali della A.I.D.B.

Articolo 12
Finanze e sottoscrizioni
1. La quota associativa annuale da pagare è di
€ 50,00 Membri fondatori, membri ordinari e membri associati di cui all’art. 4 p. 3.5;
€ 25,00 Membri associati

Articolo 13
Durata
La durata dell’Associazione è prevista sino all’anno 2030, potrà successivamente essere prorogata di 50 anni, salvo disposizione contraria dell’assemblea.

Articolo 14
Ogni controversia interpretativa del presente Statuto viene rimessa al giudizio inappellabile del Comitato Esecutivo. Per quanto non previsto dal presente Statuto, si richiamano gli articoli contenuti nel libro primo, titolo secondo, capo secondo, del Codice civile.

Articolo 15
L’esercizio finanziario decorre dal 1° gennaio al 31 dicembre.
Il primo esercizio finanziario avrà termine il 31 dicembre 2003.